PROTOTIPI IN POLIMETACRILATO (PMMA)


Il polimetilmetacrilato, ovvero PMMA, è un materia plastica formata da polimeri, meglio conosciuto come Plexiglass. Di norma è trasparente, al punto che possiede caratteristiche di comportamento assimilabili alla fibra ottica per qualità di trasparenza ed infrangibilità. Queste caratteristiche lo rendono adatto ad applicazioni di light design con ampia varietà di colorazioni, spessori (generalmente da 1 a 30 mm), finiture e decorazioni. Inoltre è versatile per cui ci si può spingere con la creatività in fase progettuale dato che il PMMA  garantisce la realizzazione di forme e superfici più disparate, adattandosi perfettamente con il design contemporaneo e con concept moderni.

I pezzi di PMMA possono essere saldati a freddo usando adesivi a base di cianoacrilati oppure sciogliendone gli strati superficiali con un opportuno solvente. La giuntura che si crea è quasi invisibile. Gli spigoli vivi del PMMA possono inoltre essere facilmente lucidati e resi trasparenti. Tra gli esempi delle sue applicazioni si annoverano i fanali posteriori delle automobili, le barriere di protezione negli stadi e le grandi finestre degli acquari, mentre uno dei maggiori mercati è il settore bagno dove viene impiegato per la realizzazione di vasche da bagno e piatti doccia. Il PMMA è un materiale sensibile alla corrente che lo attraversa e perciò viene utilizzato anche nell’industria microelettronica nei processi di litografia elettronica. Utilizzato pure per l’elevata conducibilità della luce viene impiegato anche per la realizzazione di fibre ottiche.

Il risultato finale è assolutamente comparabile in termini meccanici ed estetici ad un pezzo realizzato tramite iniezione plastica.