Protesi ossea in stampa 3D


Le possibilità di utilizzo in campo medico della stampa 3D sono davvero illimitate. Ogni giorno in questo settore la tecnologia della produzione additive fa passi da gigante. L’uso della stampa 3D in campo medico non si limita agli Stati Uniti o all’ Europa, ultimamente in tutti i continenti si sta diffondendo e la Cina ne sta diventando leader nell’utilizzo.
In un caso specifico, dei medici cinesi hanno sfruttato la tecnologia di stampa 3D per la soluzione e la cura di un caso grave. Una donna cinese di 62 anni a causa di un cancro alle ossa nella zona dell’anca, dovette ricorrere alla sostituzione della parte di osso malata con una protesi.
Per semplificare l’operazione ed evitare rischi potenzialmente letali per la paziente, i medici decisero di utilizzare la stampa 3D per risolvere la situazione della paziente. Con un intervento della durata di 3 ore, il team medico sostituì la porzione ossea danneggiata con una protesi in titanio stampata in 3D.
La protesi venne stampata con una tecnologia denominata EBM (Electron Beam Melting) in titanio, material ideale per le protesi poiché il corpo umano raramente le rigetta. La stampa 3D inoltre permette (dopo la scansione 3D dell’anca tramite TAC) la modifica in maniera completamente libera della protesi, in modo da renderla leggera e resistente allo stesso tempo.

Noi di SUPER3D continuiamo a stupirci degli innumerevoli utilizzi che la stampa 3D può avere e siamo sempre più convinti che questa tecnologia rappresenti il futuro. Che ne pensate di questa tecnologia che ha permesso ad una donna di tornare ad avere una vita normale?